Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_santiago

Cooperazione economica

 

Cooperazione economica

L'Ambasciata ha tra i suoi compiti quello di monitorare l'andamento dell'economia cilena e coordinare le attività di promozione economica nel paese, con l'obiettivo di favorire la crescita dell'interscambio commerciale, dei flussi di investimenti e della cooperazione scientifica e tecnologica tra i due paesi.

La strategia di promozione è attuata in collaborazione con altri soggetti italiani attivi in Cile, come l'Agenzia ex ICE di Santiago, la Camera di Commercio italiana in Cile e in costante coordinamento con i principali rappresentanti dell'imprenditoria italiana.

I nostri due sistemi economici sono complementari: il Cile esporta materie prime, tra cui alcune strategiche per l’economia italiana (rame e cellulosa), l’Italia esporta macchinari ad alto valore aggiunto, necessari per i processi produttivi cileni.

La garanzia di stabilità politica, la certezza del diritto, la tutela degli investitori sono elementi fondanti l’eccellente reputazione cilena, non solo nel contesto latinoamericano, diffusa tra gli investitori stranieri. L’entrata a pieno titolo nell’OCSE nel 2010 ratifica gli sforzi compiuti dal Paese negli ultimi 25 anni.

Sul piano degli scambi commerciali la posizione dell'Italia come partner di Santiago si conferma di assoluta rilevanza: l'export italiano in Cile si e' attestato l'anno passato sui 963 milioni di euro (dati ISTAT), facendo registrare un aumento del 10,8% rispetto al 2014.

La presenza imprenditoriale italiana è ben consolidata:

ENEL, attraverso "Enel Generacion Chile", è il primo generatore di energia del Paese mentre, attraverso "Enel Distribucion Chile" è il principale distributore di energia elettrica. Sempre nel campo dell'energia, anche Enel Green Power ha effettuato ingenti investimenti negli ultimi anni, imponendosi nel settore delle rinnovabili, cui l'attuale governo di Michelle Bachelet attribuisce un alto livello di priorità nella politica energetica nazionale.

Nel settore delle costruzioni e concessioni sono particolarmente attivi Astaldi e il gruppo Autostrade. La prima, impegnata da alcuni anni nella realizzazione di opere per l’azienda mineraria di stato, CODELCO, ha vinto la gara per l’edificazione e gestione per 25 anni dell’ospedale “Felix Bulnes” e si è aggiudicata di recente, in consorzio partner transalpini i lavori di ampliamento e la concessione dell’aeroporto di Santiago, confermando le grandi potenzialità per le imprese italiane. La seconda, detiene il pacchetto di maggioranza della società Costanera, sorta a seguito della costruzione dell’autostrada urbana Costanera Norte, principale arteria della Capitale.

Nel Retail il gruppo Luxottica è assai attivo nel settore dei beni di consumo, controllando la principale catena di vendita di occhialeria del Cile, GMO.

Nel settore dell’agroindustria, “Agrichile” (Gruppo Ferrero) è leader nella produzione delle nocciole ed ha contribuito a trasformare in pochi anni il paese nel terzo esportatore al mondo di tale frutto. Nello stesso settore, Granarolo ha acquisito nel 2015 “Bioleche Lacteos”, una storica cooperativa cilena di 300 allevatori e attualmente opera nel mercato locale attraverso la vendita di formaggi cileni e di prodotti importati dall'Italia.

Si segnala inoltre che, a partire dal 1 maggio 2016, Alitalia ha riattivato il collegamento aereo diretto Roma-Santiago con cinque voli alla settimana. Si tratta di un fatto estremamente rilevante, destinato ad avere un impatto molto positivo sulle relazioni bilaterali, non solo in termini di incremento dei flussi turistici ma anche e soprattutto da un punto di vista economico e commerciale.


70